La Storia dei Grigioni



Menu lingue

Linea centenaria nei Grigioni Scoprite tutto sulla linea centenaria nei Grigioni

Il 15 giugno 2019 saranno celebrati i 100 anni dalla messa in servizio della prima linea AutoPostale fra Reichenau e Flims. L’avvio dell’orario regolare è considerato l’inizio e la data di nascita del collegamento alpino nel Cantone dei Grigioni.

100 anni fa, con la tratta Reichenau-Flims l’autopostale fece il suo ingresso nel Cantone delle 150 valli. A causa dell’ampia opposizione all’automobile nella popolazione grigionese, l’inaugurazione della prima linea AutoPostale in questo Cantone avvenne in tono minore, senza fiori né celebrazioni. Nei Grigioni la resistenza contro l’auto fu tenace e accanita. Il primo autopostale fra Reichenau e Flims Waldhaus dovette pertanto entrare in servizio in condizioni sfavorevoli e con la massima attenzione verso persone e animali. In via provvisoria circolava solo in estate. Durante l’inverno era ancora in funzione la posta a cavallo.

Autopostale davanti all’hotel Waldhaus (senza data). Fonte: Museo della comunicazione

L’autopostale della tratta Reichenau-Flims spianò la strada alla motorizzazione

Mentre la posta a cavallo richiedeva 2 ore e 50 minuti per coprire i 13 km della tratta Reichenau-Flims, il Car-Alpin (come fu chiamato l’autopostale) percorreva il tragitto nell’incredibile tempo di 1 ora e 10 minuti. Comprese le operazioni di carico e scarico dei bagagli. Come già un anno prima la linea dell’Obertoggenburg, la tratta di Flims dimostrò ancora una volta la superiorità dell’auto nel servizio regolare. La posta a cavallo era superata e non più concorrenziale. Cominciava a delinearsi il suo declino. Non era più adeguata all’epoca dopo la Grande guerra. Sempre più persone sentivano sempre meno l’esigenza del romanticismo della diligenza. I passeggeri erano più esigenti e pretendevano mezzi di trasporto rapidi, efficienti e moderni anche per le regioni in cui non era ipotizzabile costruire ferrovie. La marcia trionfale dei veicoli motorizzati era pertanto inarrestabile.

Avverata la speranza dell’ente turistico dei Grigioni

Già nei primi anni dal 1920 al 1925 importanti linee di poste a cavallo furono convertite in servizi di autopostali. Ad esempio su queste tratte:

  • Thusis–Hinterrhein
  • Coira–Lenzerheide–Tiefencastel–Mühlen
  • St. Moritz–Maloja–Castasegna
  • Zernez–Val Müstair
  • Scuol–Martina–Pfunds
  • Passo del San Bernardino
  • Passo dello Julier
  • Passo dell’Oberalp
  • Passo del Lucomagno

Nel 1925 fu revocato il divieto cantonale di circolazione automobilistica. L’autopostale ebbe pertanto un effetto rivoluzionario anche per il traffico privato. Inizialmente contestato e respinto con scetticismo, oggi l’autopostale è un mezzo di trasporto oramai imprescindibile sulle strade grigionesi.

Video sui 100 anni di AutoPostale nei Grigioni

Autocarri militari riconvertiti risolsero la questione dei veicoli

Non c’erano ancora molte esperienze dirette. La direzione del circondario postale non ne aveva affatto e la scelta dei modelli di veicoli era esigua. Al termine della Prima guerra mondiale, però, l’esercito stava liquidando una parte del proprio parco veicoli motorizzato. L’amministrazione postale riconobbe l’opportunità acquistando per il proprio parco veicoli di Reichenau tre autocarri militari da 45 CV riconvertiti dalla ditta Saurer. Dieci anni più tardi, sulla linea Reichenau-Flims erano in servizio cinque veicoli. Nel 1939 ce n’erano già 15, impiegati anche su altre linee.

  • Anni ’20: autopostale alpino Saurer di tipo A (primi autopostali, autocarri militari riconvertiti)
  • Anni ’50/’60: autopostale alpino Saurer III A
  • Anni ’70: Saurer H46
  • Anni ’70: Omnibus V-U Mercedes O 317K
  • Anno ’80: veicoli a pianale rialzato Saurer
  • Anni ’90: veicoli a pianale rialzato Saurer e Neoplan
  • Anni 2000: veicoli a pianale rialzato Neoplan e MAN
  • Oggi: veicoli a pianale rialzato MAN e Setra / IVECO LowEntry / veicoli a due piani VanHool
Foto del primo autopostale sulla tratta Flims-Reichenau (1925 circa). Fonte: archivio PTT

Nuove sfide per il personale conducente

I veicoli aperti da 18 posti a sedere, copertura a vela e rimorchio per i bagagli erano guidati da conducenti di autocarri accuratamente selezionati che avevano preso confidenza con la tratta attraverso lunghi giorni di prove su strada: autentici pionieri dell’automobile che avevano dimostrato il loro valore nel difficile periodo degli esordi, motivati anche dai loro colleghi di Obertoggenburg, a cui era stato affidato il volante dei nuovi autopostali già dal 1o maggio 1918. A fare da assistenti c’erano dei conducenti che si occupavano del controllo dei biglietti, dei bagagli, delle merci e degli invii postali. Fra le difficoltà della professione, oltre al viaggio sul fondo accidentato e sconnesso rientrava anche l’incredibile piaga della polvere delle strade bianche di un tempo.

Evoluzione dei prezzi dei biglietti rispetto al prezzo del pane in franchi svizzeri

Prezzo di una corsa per la tratta «Reichenau (Coira) – Flims (Laax)» Adulti / 2a classe / sola andata (giallo) Prezzo per un chilo di pane (verde)

Pietre miliari della storia di AutoPostale nei Grigioni

1919 – 15 giugno 1919

Prima corsa dell’autopostale da Reichenau a Flims Waldhaus

1925

Ampliamento delle linee AutoPostale nell’intero Cantone

1926

Ampliamento dell’offerta sulla linea Reichenau-Flims con un servizio nell’arco dell’intero anno

1934

Prolungamento della linea fino a Coira (Coira-Reichenau-Flims)

1969

Celebrazioni per il cinquantenario a Flims

1970

Introduzione dell’orario cadenzato

1996

Primo impiego dell’autopostale a due piani su diverse linee

2017

Introduzione della cadenza semioraria continua per tutto l’anno sulla linea Coira-Flims-Laax